Mark Zuckerberg: Problemi Facebook risolti entro qualche anno

Indubbiamente, questo è stato un anno molto difficile per il più grande e noto dei social network: Facebook. I problemi che sta affrontando Mark Zuckerberg in questi ultimi tempi li sappiamo ormai tutti, li abbiamo letti su internet e li abbiamo sentiti anche in TV. Il mese scorso è stato rivelato che una società di dati, la Cambridge Analytics, utilizzava i dati raccolti sul Facebook. Inizialmente li hanno ottenuti tramite un semplice questionario nel 2015, sembra che però non solo tutti coloro che vi hanno partecipato sono rimasti interessati, ma anche tutti quelli che erano nella lista dei loro amici.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg: Dichiarazioni sui problemi di Facebook

Dopo questa rivelazione, Facebook è entrata in modalità “controllo dei danni”. Mark Zuckerberg ha riconosciuto i problemi ma ipotizza che potrebbero essere necessari diversi anni per risolverli. Notizie di certo non confortanti. Insomma, nessuna soluzione rapida agli attuali problemi del noto social network. Mark Zuckerberg ha dichiarato che Facebook è consapevole della portata del problema. Inoltre, stanno cercando di fare tutto il possibile per porvi rimedio. Tuttavia, ha aggiunto che potrebbero volerci anni per risolverli completamente. Inoltre ha dichiarato:

Non abbiamo dedicato abbastanza tempo da investire su alcuni degli usi negativi degli strumenti. Penso che ora le persone siano adeguatamente focalizzate su alcuni dei rischi e degli svantaggi di Facebook. Ci vorranno alcuni anni per risolvere tutti i problemi. Vorrei poter risolvere tutto in tre o sei mesi. Ma penso solo che la realtà è che risolvere tutto richiederà solo un periodo di tempo più lungo.

Allo stato attuale il sito di social media perde membri in stile drammatico. Inoltre, perde anche aziende di alto livello che investivano in pubblicità su questo social network. Molti si domandano se a questo punto, se Facebook sarà ancora rilevante per gli investitori nei prossimi anni.

Altri articoli correlati su Facebook

Condividi
0Shares

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui