Processori Intel Ivy Bridge

Ivy Bridge

Da questa serie di processori davvero veloci denominata “Ivy Bridge” si possono ottenere dei buoni risultati dall’overclock. Tutto è iniziato con il Core i5 650, 660 e il 661, queste CPU avevano due piccoli piccoli chip sul die del processore. Con Ivy Bridge, l’IGP è certamente diventato più veloce, in quanto devono competere con un eccellente implementazione di AMD. I processori Ivy Bridge di default sono molto più difficili da overcloccare. Il baseclock a 100 MHz dei processori Ivy Bridge è quindi più difficile da modificare. Ed è per questo che Intel ha introdotto la serie K, che offre un moltiplicatore sbloccato che permette di andare molto, molto più alti di clock. Il processore i5-3570K può essere spinto fino a 4700 MHz. Sandy Bridge era veramente un’architettura completamente nuova, Ivy Bridge mostra un sacco di denominatori comuni con Sandy Bridge, a parte l’IGP. Il più importante fattore di complicazione stava muovendo l’architettura verso un nodo di produzione più piccola, Ivy Bridge è un processore a 22 nm. La serie di processori ha 1,4 miliardi di transistor e una dimensione di 160mm2.

Recensione processori Intel Ivy Bridge

All’interno del die del processore, la GPU integrata basata su serie Intel 4000 ha circa il doppio delle prestazioni di un Core i7 2600. Sicuramente è un miglioramento nel segmento low-end, un’ottima notizia per portatili, notebook e PC desktop. Ovviamente le estensioni del set di istruzioni AVX sono presenti in Ivy Bridge permettendo più efficienti prestazioni per core e maggiori frequenze.

Intel core I7 desktop di base:

  • i7-3770K
  • i7-3770
  • 3770T
  • 3770S

Intel core i5 desktop:

  • i5-3570K
  • 3550
  • 3550S
  • 3450
  • 3450S

I suffissi dei processori Intel

Intel sceglie tre diversi suffissi per i processori, abbiamo un modello K, il modello T e un modello S:

  • K: Suffisso che indica un processore con il suo moltiplicatore sbloccato
  • S: Suffisso che indica migliori consumi di potenza ma frequenze di clock inferiori
  • T: Suffisso che indica un basso consumo di energia per il risparmio energetico ottimale

Sostanzialmente il suffisso “T” è per processori overcloccabili mentre gli altri due suffissi sono per processori a basso consumo energetico non overcloccabili. Per questi processori sono stati creati nuovi chipset per scheda madre, undici in totale, di cui sei sono destinati per i processori desktop, vale a dire la H77, Z75, Z77, B75, Q75 e Q77. I processori i7 IB core avranno hanno quattro core fisici (di esecuzione) ciascuno in hyper-thread (rendendo 4 core fisici su 8 core logici hyperthreading). Come gli altri derivati della generazione ​​Nehalem, IB è caratterizzato da Intel Turbo Boost.

Per la generazione Sandy Bridge c’è una distinzione per segmento del processore i3 / i5 / i7:

  • Gli I7 desktop hanno quattro core / otto hyper-thread / Fino a 8 MB di cache L3
  • I processori desktop Core i5 hanno quattro core / NO hyper-threading / Fino a 6 MB di cache L3
  • I processori i3 dispongono di due core e sono TBA

La cache in Ivy Bridge

Ivy-Bridge-E-Details

Tutti i modelli sono dotati della nuova modalità di revisione Turbo, però, solo la serie Core i7 è in grado di gestire due thread indipendenti di software per core Hyper-Threading. E ‘una caratteristica che piace molto in quanto porta al massimo le prestazioni, consentendo ad un processore di eseguire il codice a due diversi flussi in più. I modelli T e S hanno tutti un TDP inferiore e sono dotati di una frequenza di clock di base inferiore. La memoria cache negli Ivy Bridge è costituita da una cache di 32KB di tipo L1, istruzioni a 32KB (= 64KB L1) e poi una cache L2 da 256 KB per core. Poi c’è la cache L3 condivisa tra i core della CPU che è da 8 MB in totale per i processori i7 37xx core e 6MB per il 35xx Core i5. La cache L3 circonda i segmenti all’interno della filiera che può essere utilizzato dai core del processore e anche dal core grafico. La modalità Turbo è molto più dinamica e si può modificare in diverse fasi e livelli per core a frequenze di clock. Il Dynamic Turbo (Turbo 2.0) permetterà alla potenza della CPU di superare il valore di TDP. Il guadagno della frequenza dovrebbe essere fino al 37% per un breve tempo e fino al 20% in altri scenari. Per l’overclock, ogni core della CPU può essere overcloccata in modo indipendente.

Ivy Bridge
Ivy Bridge

Le caratteristiche principali della CPU di Intel Core i5-3750K Ivy Bridge, sono i quattro core di elaborazione indipendenti in un unico pacchetto fisico, l’Intel Turbo Boost Technology 2.0 che aumenta dinamicamente la frequenza del processore fino a 3.80GHz quando le applicazioni richiedono maggiori prestazioni. Inoltre possiamo avere da questo processore l’Intel Technology Hyper-Threading che consente a ciascun core del processore di gestire due attività contemporaneamente fornendo una capacità di elaborazione senza precedenti per un migliore multi-tasking per le applicazioni. L’Intel Core i5-3750K possiede l’Intel Smart Cache, 6 MB di cache condivisa che permette un accesso più rapido ai dati, consentendo l’allocazione dinamica ed efficiente della cache per soddisfare tutte le esigenze di ogni nucleo riducendo sensibilmente la latenza per i dati utilizzati di frequente e migliorando le prestazioni.

Recensione della CPU Intel Core i5-3750K

Con l’overclock abilitato con il chipset Intel Z77 espresso, i moltiplicatori di base sono completamente sbloccati, e le DDR3 consentono una massima flessibilità per l’overclock. Il moltiplicatore sbloccato permette l’overclock per aumentare la velocità della grafica. Il controller della memoria integrato supporta 2 canali di memoria DDR3-1600 con 2 DIMM. Possiede il supporto per la memoria base del profilo chiamato Intel Extreme Memory (Intel XMP) specification2 da 2400 fino a 2.800 MHz. Il chipset della Scheda madre deve supportare Intel Serie 6 e Serie 7 mentre AES-NI Fornisce 6 istruzioni del processore che aiutano a migliorare le prestazioni per gli algoritmi di crittografia e decrittografia AES. Nuove maggiore funzionalità integrate che offrono una perfetta esperienza visiva per fare tutto, dalla semplice e-mail fino alla grafica 3D e HD.

La suite grafica built-in include:

  • Intel Quick Sync Video Technology: l’elaborazione di media incredibilmente veloce per la conversione di file video per i lettori multimediali portatili o la condivisione online.
  • IntelInTru3D: Stereoscopic 3D Blu-ray per l’esperienza di riproduzione in risoluzione full HD 1080p su HDMI 1.4 3D.
  • Intel Clear Video HD: qualità visiva e miglioramenti del colore ad alta fedeltà per la riproduzione di un HD spettacolare e per una navigazione web coinvolgente.
  • Intel Advanced Vector Extensions (AVX) Intel: maggiori prestazioni per le applicazioni visive come video professionali e l’editing di immagini.
  • Intel HD Graphics 3000: prestazioni 3D significative e coinvolgenti per il gioco tradizionale su una vasta gamma di titoli. La frequenza di grafica dinamica varia fino a 1350MHz.

Ivy-Bridge-E-Details

La GPU integrata IGP all’interno del processore si chiama Intel Graphics Media Accelerator HD, e deriva da prodotti grafici Intel già esistenti, ma con alcuni nuovi miglioramenti. Il core grafico integrato è un modello aggiornato dalla versione Sandy Bridge, anche se completamente rinnovato, migliorato e più potente con decodificatore. La serie 4000 della grafica Intel è integrata sullo stesso die della CPU, e ha anche l’accesso alle funzioni di overclock automatico Intel Turbo Boost. Il Core grafico integrato funziona a 650 MHz per i modelli di processori di fascia alta. Con Turbo Boost abilitato, può raggiungere fino a 1150 MHz di velocità di clock sul core grafico. Il nuovo core grafico è DirectX 11 e OpenCL 1.1 così come prestazioni superiori del 30% rispetto al modello precedente che si trovano nei processori Sandy Bridge.

Intel Ivy Bridge Core i7 3770K
Intel Ivy Bridge Core i7 3770K

Ivy Bridge è caratterizzato dal PCI Express 3.0 x16 per interconnessione, nonché con un controller PCIe x4 2.0. Ivy Bridge ha una GPU accattivante e performante per il gioco ma è eccezionalmente buono anche per la riproduzione di Blu-ray e supporta anche la riproduzione 3D grazie all’implementazione dell’HDMI 1.4a. Il motore grafico è stato revisionato ed è compatibile con DirectX 11. La GPU è inserita (a seconda della modalità) con sedici EG delle unità di esecuzione (un altro sinonimo di processori unificati come CUDA cores / unità di esecuzione / processori Shader Cores / Stream). Clarkdale ne aveva otto, Sandy Bridge ne ha dodici mentre Ivy Bridge ne ha altri quattro di EG.

core i7

Ogni unità di esecuzione è in grado di gestire più lavoro per ciclo di clock rispetto ai predecessori. L’AVX (Vector Advanced Extension) è un Set di operazioni che permette di rafforzare le sue prestazioni nelle applicazioni di circa il 20% rispetto al Core i7 “Sandy Bridge” che si possono trovare in una maggiore accelerazione in AVX. AVX è l’acronimo di Advanced Vector Extensions, molto adatto per le applicazioni intensive in virgola mobile ed è diventato molto popolare. AVX offre funzionalità e le istruzioni sono in una forma sofisticata di SSE. Intel ha aperto il percorso dei dati che è stato ampliato da 128 bit a 256 bit. AVX non solo aggiunge nuove istruzioni, Intel afferma che permette alla CPU di eseguire le istruzioni di età superiore più rapidamente.

Il controller chipset Hub è accoppiato con i processori Ivy Bridge con una manciata di nuovi chipset per schede madri, undici in totale, di cui sei sono destinati per i processori desktop, vale a dire la H77, Z75, Z77, B75, Q75 e Q77. La maggior parte delle serie 6 di schede madri sono in grado di supportare i processori Ivy Bridge, tutto ciò che serve è un aggiornamento del BIOS dal produttore della scheda madre.

PCI Express Gen 3

L’inclusione dei PCI Express Gen 3 è ottima, offrendo un 2X di tasso di velocità in più di trasferimento rispetto alla generazione precedente, questo offre funzionalità per soluzioni di gioco estreme di nuova generazione. Il PCI Express Gen 3 ha due volte la larghezza di banda disponibile, 32GB/s e una maggiore efficienza e compatibilità, come tale, offrirà prestazioni migliori per le schede PCI Express correnti e successive. Andando da PCIe Gen 2 a Gen 3, si raddoppia la larghezza di banda disponibile per la schede aggiuntive installate, da 500MB / s ad una corsia, fino a 1 GB / s per corsia. Quindi uno slot PCI Express Gen 3 x16 è in grado di offrire 16GB / s (o 128Gbit / s) della larghezza di banda in ciascuna direzione. Che si traduce in / sec di banda bidirezionale a 32GB. Ovviamente l’hardware utilizzato deve essere compatibile.

Socket LGA 1155

Con Sandy Bridge siamo su socket LGA 1155 e per Ivy Bridge rimaniamo su questo socket. Una scheda madre Z68 può ricevere un aggiornamento del BIOS, rendendo i processori Ivy Bridge funzionali al 100% sulla scheda madre. Dovrebbe essere abbondantemente chiaro che ormai la USB 3.0 è finalmente supportata a livello di chipset da parte di Intel.

Consumi energetici di Ivy Bridge

I processori basati Ivy Bridge hanno consumi energetici di 77W (TDP). Le misurazioni dei consumi energetici sono diversi per ogni PC per via della loro configurazione dei componenti collegati che usano energia come la scheda madre che può avere circuiti integrati supplementari installati come un controller audio, controller di rete, controller aggiuntivi SATA, controller USB extra, e così via. Queste parti consumano energia.

Conclusioni sulle CPU Intel Ivy Bridge

I processori Intel Ivy Bridge si surriscaldano abbastanza velocemente una volta che si passa 1,30 volt. Ivy Bridge è stato il successivo passo logico di Intel cercando di migliorare ulteriormente l’architettura esistente, ma in un processo di fabbricazione più piccola. La transizione ai 22 nm è stata completata. Ora tocca a Haswell. Nei prossimi articoli vedremo le nuove generazioni di CPU Intel nel dettaglio.

Processori Intel Ivy Bridge
Vota
Condividi
Articolo precedenteAsrock X99E-ITX
Prossimo articoloi7-4770K [Recensione processore Intel Core]

Autore e realizzatore del sito Tech Universe, appassionato di tecnologia ed internet. Realizzo recensioni per hardware PC, software e guide di informatica e per internet in genere.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui