Impianti elettrici: I sistemi di sicurezza

In questo articolo vedremo i sistemi di sicurezza degli impianti elettrici delle strutture commerciali e residenziali, le loro tecnologie e i componenti utilizzati. Perché è importante la conoscenza di un sistema di un impianto elettrico in una struttura commerciale? Perché si tratta della norma più vitale per la sicurezza delle persone. Prima di tutto, dobbiamo sapere che utilizzare dei componenti elettrici sbagliati in un sistema elettrico negli edifici può portare a dei pericolosissimi incendi.

Come sono fatti gli impianti elettrici

Il più delle volte, molti incidenti possono essere evitati se abbiamo un po ‘più di conoscenza sugli impianti elettrici. Un impianto elettrico di buona qualità deve essere realizzato da persone autorizzate e professionali. Anche e soprattutto la scelta di componenti e dei materiali deve essere di buona qualità. Se cerchi componenti elettrici come connettori, alimentatori, semiconduttori e altri componenti di alta qualità per un impianto elettrico, la RS Components Italia ha tutto ciò che ti può servire.

Impianti elettrici

Impianti elettrici

In genere, un impianto elettrico trasmette alta tensione, una potenza che viene quindi trasformata in una delle diverse tensioni più basse per essere utilizzata in un edificio commerciale ma anche nelle abitazioni. La tensione effettiva utilizzata da una struttura non è eccessivamente importante. I trasformatori che convertono la tensione si possono trovare in diversi punti di un edificio. In alcuni casi, soprattutto in strutture meno recenti, è possibile trovarli nel seminterrato.

Questi trasformatori possono essere molto pericolosi se il personale di un edificio commerciale non è adeguatamente informato. Un personale antincendio non dovrebbe mai aprire un trasformatore. Oltre ai pericoli che possono arrivare dall’elettricità, la maggior parte dei trasformatori contiene olio per facilitare il processo di raffreddamento.

Questo olio dovrebbe essere trattato come tratteremmo qualsiasi altro materiale pericoloso. Oltre all’olio di raffreddamento che viene utilizzato, è possibile trovare bifenili policlorurati utilizzati come fluido di raffreddamento in alcuni trasformatori più vecchi. Questi trasformatori dovrebbero essere chiaramente etichettati.

In caso di incendio, un trasformatore deve essere trattato con un estintore chimico a secco classificato per gli incendi di Classe C. Fatta questa premessa sulla sicurezza, vediamo come sono fatti all’interno gli impianti elettrici di un edificio.

Quadro principale di un impianto elettrico (Quadro elettrico)

Il quadro principale degli impianti elettrici è il punto nel sistema in cui è possibile interrompere l’alimentazione dell’intero dell’edificio. L’unico modo per essere sicuri che l’alimentazione alla struttura sia completamente disattivata è quello di far disconnettere i conduttori che alimentano la struttura dalla compagnia elettrica. Dal quadro principale, il sistema di alimentazione continua a passare ai pannelli secondari situati in tutta la struttura e dai pannelli secondari a dispositivi, luci e prese della corrente.

Quadro elettrico

Quadro elettrico

Esistono diversi altri elementi di cui è necessario conoscere in un impianto elettrico come i condotti, i trasformatori e le canalette. I vigili del fuoco devono fare molta attenzione quando operano in ambienti elettrici. Molte sale elettriche nelle strutture commerciali si trovano nel seminterrato o in una stanza sotto il pianoterra.

Non è necessario essere entrare a contatto con un apparecchio elettrico in tensione per ricevere una scossa. Se si riscontra una situazione in cui è presente un pannello senza copertura o conduttori esposti, bisogna stargli lontano fino a quando l’alimentazione non sarà stata disconnessa dalla società dei servizi o da un elettricista autorizzato.

Condensatori e reattori

La maggior parte del carico in un tipico sistema di alimentazione CA è induttiva. La corrente è in ritardo rispetto alla tensione. Poiché la tensione e la corrente sono sfasate, ciò porta alla nascita di una forma di potenza nota come “potenza reattiva“. La potenza reattiva non svolge alcun lavoro misurabile ma viene trasmessa avanti e indietro tra la sorgente di potenza reattiva e carica ogni ciclo.

Questa potenza reattiva può essere fornita dai generatori attraverso la regolazione dell’eccitazione del generatore, ma è spesso più economico fornirla attraverso i condensatori. I condensatori sono spesso posizionati vicino a carichi induttivi per ridurre la domanda di corrente sul sistema di alimentazione.

I reattori, consumano la potenza reattiva e vengono utilizzati per regolare la tensione su lunghe linee di trasmissione. In condizioni di carico leggero, dove il carico sulle linee di trasmissione è ben al di sotto del carico di impedenza di sovratensione, l’efficienza del sistema di alimentazione può effettivamente essere migliorata inserendo i reattori.

Questi reattori sono installati in serie in un sistema di alimentazione e limitano anche gli sbalzi di flusso di corrente. Quindi, i piccoli reattori sono quasi sempre installati in serie con i condensatori per limitare gli sbalzi di corrente associati alla commutazione in un condensatore.

Generatore

Il generatore è un componente importantissimo nelle apparecchiature elettriche. Per molti anni, i generatori sono stati utilizzati solo in edifici che servivano a scopi importantissimi dove la corrente non poteva mai mancare come in ospedali, stazioni di polizia e caserme. Tuttavia, oggi è notevolmente aumento il numero di edifici che utilizzano uno o più generatori.

Ci sono alcuni problemi che possono avere i generatori. Alcuni hanno un motore a combustione che utilizzano gasolio, propano o gas naturale per funzionare. Poiché sono motori a combustione, producono prodotti di combustione che potrebbero non esaurire correttamente ed essere nocivi. Nel caso in cui la corrente elettrica viene a mancare, il generatore inizia a funzionare automaticamente.

Il problema di un generatore, è che si potrebbe interrompere l’alimentazione elettrica e mentre stai scollegando l’alimentazione di rete, il generatore si avvia e alimenta il sistema. Pertanto, è importante che l’alimentazione venga disconnessa e che il generatore sia disconnesso per assicurarsi che non vi sia corrente nell’edificio.

Impianti elettrici in un edificio residenziale

Le abitazioni residenziali, hanno quasi sempre dalle linee di distribuzione a bassa tensione. Queste linee funzionano a tensioni comprese tra i 110 e i 260 volt a seconda delle norme nazionali. I circuiti di illuminazione e degli apparecchi di ultima generazione sono tenuti separati in modo che in caso di un guasto di un apparecchio, non si lasci gli occupanti dell’abitazione al buio. Tutti i circuiti vengono protetti con un fusibile appropriato in base alle dimensioni del filo utilizzato per quel circuito.

I circuiti di un impianto elettrico residenziale ha un filo sia attivo che neutro con entrambe le prese di illuminazione e di alimentazione collegate in parallelo. Le prese sarebbero inoltre dotate di una “terra” di protezione. Ciò sarebbe reso disponibile agli apparecchi per il collegamento a qualsiasi involucro metallico. Se questo involucro dovesse diventare attivo, la teoria è che la connessione alla terra provocherebbe lo scatto di un interruttore differenziale o di un fusibile.

Articoli che riguardano la tecnologia che ti potrebbero interessare:

Vota

Fai clic su una stella per votare

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto