Hacker Anonymous: Massiccia campagna di attacchi contro la Turchia

Hacker Anonymous
Hacker Anonymous
La Turchia sta soffrendo uno dei peggiori attacchi informatici mai visti. Un certo numero di siti finanziari e governativi sono stati colpiti da attacchi DDoS nel corso delle ultime due settimane, in una campagna in corso che si è intensificata durante il fine settimana. Molte banche leader turche, tra cui Isbank, hanno riferito l’interruzione intermittente per alcune transazioni con carta di credito. Non è del tutto chiaro chi è responsabile degli attacchi, ma un ente non governativa ha affermato che provenivano da “fonti organizzate” fuori della Turchia. Molte delle agenzie di stampa del paese stanno suggerendo che la Russia potrebbe essere dietro la campagna di attacchi. Rappresaglia per l’abbattimento di un bombardiere russo da un jet da combattimento turco nel mese di novembre.

Gli Hacker Anonymous

Questa non sarebbe la prima volta che la Russia ha lanciato attacchi informatici nei confronti di un paese; sia l’Estonia e la Georgia hanno sopportato campagne simili che avevano origini russe. Anche se i media turchi stanno puntando il dito di accusa verso la Russia, il gruppo “hacktivisti” Anonymous sta prendendo credito per gli attacchi.

Una voce sul video Anonimo ha detto.
“Caro governo della Turchia, se non la smetti di dare supporto all’Isis, continueremo ad attaccare il vostro Internet, i DNS , le vostre banche e prenderemo i vostri siti governativi mandandoli in down. Dopo i DNS, inizieremo a colpire i vostri aeroporti, mezzi militari, e le connessioni statali private, distruggeremo l’infrastruttura bancaria, fermeremo questa follia. Il tuo destino è nelle tue mani. ”

L’unità di sicurezza del governo Cyber ​​speciali all’interno della Information and Communication Technologies Authority (ICTA) e la Direzione delle telecomunicazioni (TIB) sono stati dispiegati per fermare gli attacchi. Il governo turco non ha dato la colpa a nessuno e ha solo detto che ha tutto sotto controllo. All’inizio di quest’anno, l’esercito siriano elettronico, un gruppo di hacker fedeli al governo siriano, ha detto di aver hackerato con successo un account di posta elettronica del governo turco.

Traduzione da una news di Rob Thubron su28 DICEMBRE 2015, 07:30

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

4 × 5 =