Guida su come assemblare un PC

Guida su come assemblare un PC partendo da zero in maniera semplice e veloce senza problemi. Consigli e accorgimenti utili per assemblare il nostro PC.

Perché seguire una guida su come assemblare un PC? Molte persone dicono di non fidarsi nell’assemblarsi da soli il proprio personal computer pensando che sia tutto fin troppo complicato. In realtà, assemblare un computer è semplicissimo, si può assemblarlo facilmente. Alla fine, non si tratta altro che inserire i giusti componenti hardware.

Assemblare un PC vuol dire sostanzialmente collegare i componenti hardware nei giusti attacchi. Non si può sbagliare, se un connettore entra in un modo, non può entrare in un altro, cioè al contrario. Iniziamo questa guida su come assemblare un PC partendo dalle basi. Alla fine di questa guida, saremo in grado di poter fare tutto da soli.

Come assemblare un PC: Elettricità statica e attrezzi

Iniziamo con il dire che assemblare un PC non è la stessa cosa di un assemblare un notebook. Per qualsiasi cosa riguardi un portatile, questa non è la guida giusta. Se avete problemi con il vostro portatile, potete rivolgervi ad esempio ad un centro di assistenza notebook a Roma se siete della zona. Ma ritorniamo all’assemblaggio del nostro primo PC.

Guida su come assemblare un PC

Guida su come assemblare un PC

Prima di tutto, serve un piano di lavoro ma non uno qualsiasi. Meglio non rischiare di bruciare i nostri componenti hardware per colpa dell’elettricità statica. Quindi, meglio evitare tappeti o moquette che possono portare polvere. L’elettricità statica può essere molto pericolosa, esistono in commercio braccialetti per scaricare a terra questa elettricità.

Un altro modo per farlo però, è semplicemente quello di toccare un qualsiasi oggetto di metallo come un tavolo di ferro. Per quanto riguardano gli attrezzi, ci serviranno soltanto un paio di cacciaviti, solitamente ne basta solo uno a stella. Non importa se utilizzate un cacciavite economico, l’importante è che non sia “calamitato”. Al massimo, soltanto la punta per tenere meglio le viti.

Per lavorare bene e comodamente, è consigliabile scegliere un cacciavite abbastanza lungo che ci consenta di raggiungere ogni punto all’interno del nostro case.

Unboxing e scelta dei componenti hardware

Tenendo conto che abbiate già scelto i vostri componenti hardware, andiamo a tirarli fuori dalla loro scatola. Naturalmente, partiremo prima dal case e dalla scheda madre. Teniamo a portata di mano tutti gli eventuali cavi ma soprattutto i manuali. Assemblare un PC è molto semplice, e probabilmente i manuali non ci serviranno ma comunque possono darci molte informazioni utili.

Prendiamo una busta abbastanza grande per contenere tutto quello che non ci serve come i manuali, le buste protettive antistatiche e i CD o DVD per i driver dei produttori. Una volta che siamo pronti con il case e con la scheda madre, prepariamo la memoria RAM e il processore.

Iniziamo ad assemblare il PC: Scheda madre e processore

Per prima cosa, andiamo a montare il processore sulla scheda madre. Per farlo, dobbiamo aprire il socket che è “l’attacco” della scheda madre per il processore. C’è una piccola leva che basta alzare per sollevare il fermo, sia che si tratti di processori AMD che Intel. A questo punto possiamo andare a tirare fuori il processore dalla sua scatola facendo attenzione a non farlo cadere a terra.

Socket - Dove si installa il processore

Socket – Dove si installa il processore

Mai toccare i piccoli piedini che ci sono sotto il processore. Per conosce il giusto verso, bisogna vedere che in uno degli angoli ci sia un piccolo triangolino dorato. Questo angolo dovrà essere fatto combaciare con il triangolino che si trova sul socket della scheda madre. Dobbiamo quindi andare ad inserire il processore in modo che i due triangolini combacino tra di loro.

Una volta inserito, si può riabbassare la leva e si può passare a montare il dissipatore CPU. Ogni dissipatore per processore, sia che si tratti di Intel o AMD, può avere un sistema di montaggio differente. In questo caso, può venirci in aiuto il suo libretto delle istruzioni.

Ricordatevi però di applicare sempre la pasta termica al dissipatore e di controllare la temperatura del processore una volta assemblato il tutto.

Montiamo la scheda madre all’interno del case

Una volta montato il processore con il suo dissipatore sulla scheda madre, ricordiamoci di collegare il connettore del dissipatore a 4 pin. Solitamente è presente con il nome di CPU FAN sulla scheda madre. Tenendo conto di aver già montato le RAM, che vanno negli slot accanto al processore, passiamo al montaggio della scheda madre all’interno del case.

Togliamo i due pannelli laterali del case e mettiamoli in qualche posto sicuro per non rischiare di rovinarli. Montiamo i supporti che servono per installare la scheda madre nel case, sono di solito delle viti esagonali di color oro che vanno montate all’interno del case per tenere sollevata la scheda madre.

Se la scheda madre non rimane sollevata e quindi tocca sul ferro del case, si può provocare un cortocircuito. Prepariamo tutte le varie viti e vitine che ci serviranno per installare gli hard disk, SSD, l’alimentatore e la scheda video. Solitamente, i formati principali di un case e quindi della scheda madre compatibili sono; ATX, mATX, Mini-ITX, E-ATX.

Leggi anche:
PC assemblato

Fino ad ora dovrebbe essere un assemblaggio semplice e veloce, ma sarà necessario collegare tutti i cavi. Serve collegare tutti i cavetti che vanno dal case alla scheda madre e quelli di alimentazione. Per farlo, meglio affidarsi al libretto di istruzioni della scheda madre. Anche se non ci sono istruzioni in Italiano, le illustrazioni ci saranno di aiuto.

Concludiamo l’assemblaggio

Ora che la nostra scheda madre è installata, possiamo procedere con il resto; scheda video, hard-disk e SSD. Per installare la scheda grafica, dobbiamo andare a rimuovere le coperture che ci sono nei vari slot PCI express. Installare una scheda grafica è facilissimo, solitamente sono soltanto una o due viti al massimo. Quando la nostra scheda grafica è installata, passiamo all’alimentatore.

Leggi anche:
Vibox Legend

Dobbiamo andare a collegare solamente i cavi che ci servono dell’alimentatore come quello da 24 pin sulla scheda madre insieme a quello da 8 pin per il processore. Potrebbe servire inoltre uno o due cavi supplementari di alimentazione per la scheda grafica. Infine, ci serviranno i cavi per l’alimentazione SATA per hard disk e SSD.

Sarebbe meglio utilizzare un alimentatore modulare per utilizzare solo ed esclusivamente i cavi che ci servono e per avere all’interno del nostro case una buona organizzazione dei cavi. Una volta collegato il tutto, non ci resta che accendere il PC. Vi consiglio di andare subito nel BIOS per le prime regolazioni del sistema. Di solito, all’accensione per entrare nel BIOS si preme il tasto “F2“.

Una volta nel BIOS, vi consiglio di trovare l’opzione che serve per regolare automaticamente le impostazioni. Prima però, date un’occhiata alla temperatura del processore per essere sicuri che non sia troppo alta. Di solito, temperature buone sono dai 50 ai 65 gradi al massimo. Salvate, uscite, riavviate il PC e installate il sistema operativo.

Altri articoli e guide che ti potrebbero interessare:

  1. 4 giochi gratis anni 90
  2. PC gaming
  3. Schermo OLED e Burn-in
  4. Dissipatore per i7-8700K
  5. Configurazione PC 500 Euro

A proposito dell'autore

Autore e amministratore del sito Tech Universe, appassionato di tecnologia e internet. Recensioni hardware PC, software e guide d'informatica e internet in genere.