Home > Internet > Microsoft su Windows7 avvisa: Utilizzatelo a vostro rischio e pericolo

Microsoft su Windows7 avvisa: Utilizzatelo a vostro rischio e pericolo

Microsoft ha appena rilasciato un chiaro avvertimento per gli utenti di Windows7 se rimangono su un sistema operativo ormai prossimo all’invecchiamento lo fanno “a proprio rischio e pericolo.”

Avviso di Windows7

Avviso di Windows7

Ma perché proprio gli utenti di Windows7?

Beh è una questione di numeri.. dal momento che Windows 7 viene eseguito sul 55% di tutti i computer del pianeta, probabilmente Microsoft è preoccupata che il suo obiettivo di raggiungere 1 miliardo di Windows 10 installati entro il 2017 possa essere più difficile.

Durante una recente intervista con il Windows Weekly, il Microsoft chief marketing officer Chris Capossela ha messo in guardia sui rischi connessi all’utilizzo di Windows7 e ha esortato gli utenti a passare al nuovo sistema operativo Windows 10.

Capossela ha anche sottolineato che Windows7 è apparentemente meno sicuro di Windows 10, quindi è “incredibilmente importante cercare di porre fine alla frammentazione dell’installazione di Windows di base”, così da mantenere i propri files e dati in un “luogo sicuro”

Ma la domanda a questo punto nasce spontanea: ma Microsoft è davvero così preoccupato per noi?

Ecco cosa il “portavoce” Capossela teme per gli utenti di Windows 7:
We do worry when people are running an operating system that’s 10 years old that the next printer they buy isn’t going to work well, or they buy a new game, they buy Fallout 4, a very popular game, and it doesn’t work on a bunch of older machines. And so, as we are pushing our ISV [Independent Software Vendor] and hardware partners to build great new stuff that takes advantage of Windows 10 that obviously makes the old stuff really bad and not to mention viruses and security problems.

Lo traduco alla buona:
“Noi ci preoccupiamo quando le persone hanno un sistema operativo che ha 10 anni, che non lavorerà bene con la prossima stampante che acquisterete, oppure acquistare un nuovo gioco come Fallout 4, un gioco molto popolare, e non funziona su un mucchio di macchine meno recenti. Stiamo spingendo la nostra ISV [Independent Software Vendor] e partner hardware per costruire grandi nuove cose che sfruttino al meglio Windows 10 e che rendano ovviamente la roba vecchia davvero pessima per non parlare di virus e problemi di sicurezza. ”

Hai notato qualche cosa di strano con l’affermazione di Capossela?
No! Non è dislessico è il mio inglese che è pessimo..! A parte gli scherzi.. ha fatto, un avvertimento del tutto privo di fondamento. Non c’è niente di sbagliato nella sicurezza di Windows 7 come sistema operativo che tra parentesi sarà sviluppato/sostenuto dalla società fino al 2020 e non si può nemmeno dire che Windows 7 sia meno compatibile con i nuovi hardware e software.

Le strategie di mercato:
Windows 7 ha una quota di mercato maggiore, il che significa che il sistema operativo è la prima scelta degli sviluppatori e ciò porta ad una maggiore compatibilità con i programmi e periferiche a discapito di win10.

Fallout 4 che non gira su windows7 o windows8 una favola! Nel caso in cui un gioco non vada, non ci sarà bisogno di nessuna installazione di Windows 10 per risolvere il problema, piuttosto sarà opportuno fare l’aggiornamento dei componenti.

L’unica ragione dietro a questa affermazione non può essere che l’obiettivo da parte di Microsoft di ottenere un miliardo di dispositivi che eseguono Windows 10 entro il 2017 o la metà del 2018, e la motivazione è abbastanza chiara con la seguente dichiarazione di Capossela:

We think every machine that is capable of running Windows 10 we should be doing everything we possibly can to get people to move to Windows 10…We are going to try to find that right balance, but we just know there’re many people out there who constantly kick the can down the street without a little bit more of a, frankly, push. And so, there’s no doubt with a base as big as ours, it is hard to move anyone to a new model without angering some people. We don’t want to anger anybody, but we do feel a responsibility to get people to a much better place, and Windows 10 is a much better place than Windows 7. We will always give you a way out, but we’re trying to find the right balance.

Lo traduco alla buona:
“Noi pensiamo ad ogni macchina che è in grado di eseguire Windows 10 che dovremmo fare tutto il possibile per convincere la gente a passare a Windows 10 … Stiamo cercando di trovare quel giusto equilibrio, , ma sappiamo certamente che esiste molta gente li fuori che costantemente da calci alla lattina lungo la strada senza nemmeno tanta fatica. E così, non c’è dubbio con una base grande come la nostra, è difficile passare a chiunque di un nuovo modello senza far arrabbiare alcune persone. Non vogliamo fare arrabbiare nessuno, ma noi sentiamo la responsabilità di convincere la gente ad un posto migliore, e Windows 10 è un posto molto migliore rispetto a Windows 7. Ci sarà sempre una via d’uscita, ma stiamo cercando di trovare il giusto equilibrio. ”

Questo non è il primo trucco di Microsoft per obbligare gli utenti ad installare il sistema operativo più recente. Microsoft aveva precedentemente provato un certo numero di volte a spingere Windows 10, in modo più aggressivo sulle macchine con sistemi Windows7 e 8.1.

Recentemente Microsoft ha annunciato la sua prima pietra miliare, affermando che ora Windows 10 è ufficialmente installato su oltre 200 milioni di dispositivi in tutto il mondo dal suo lancio risalente a cinque mesi fa.

Sebbene non ci sia niente di sbagliato con la creazione/persecuzione di un obiettivo, il non rispettare la scelta degli utenti e imporre quella di Microsoft su di essi è completamente inaccettabile.

Sappiamo che tecnicamente Microsoft sta dando la possibilità agli utenti, ma facendo apparire fastidiosi pop-up ogni volta, rimuovendo le opt-out, facendo comparire avvisi infondati.. insomma non sembra che ci sia alcuna scelta per gli utenti, vessati dalle pressioni di mamma premurosa Microsoft.

Premesso ciò, dovrebbe essere completamente nostra la scelta se vogliamo passare a Windows 10 o no, o forse l’opzione migliore è di passare al sistema operativo Linux..

Marco Rosini

Marco Rosini

Esperto di software e sistemi operativi, antivirus e sistemi informatici in genere.
Marco Rosini

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

uno + dieci =

X

Pin It on Pinterest

X