Home > SEO > La SEO nel 2015

La SEO nel 2015

Si è molto discusso della SEO negli ultimi anni. la SEO, di certo, non è un attività morta, si è soltanto evoluta. Tutti gli aggiornamenti degli ultimi tempi dell’algoritmo di google servono per contrastare lo spam e per ottenere dei risultati di qualità nelle ricerche del noto motore di ricerca.

La SEO negli anni passati

Erano dei bei tempi quando fare SEO si limitava soltanto e semplicemente nella pratica del link building. Si ottenevano facilmente link da article marketing, le tantissime directory di segnalazione siti web, scambi link e banner, commenti con link nei forum e nei blog e moltissimo altro ancora. Era molto facile acquisire link negli anni passati, ma, oggi, qualcosa è cambiato, anzi, diciamo che è cambiato parecchio. Acquisire link oggi, è diventato difficilissimo, diciamo che è diventato difficilissimo ottenere link di qualità, mentre, i link di scarsa qualità, rimangono facili da ottenere ma possono soltanto portare a nulla o peggio ancora, a una vera e propria catastrofe per il posizionamento del nostro sito web.

Gli ultimi aggiornamenti dell’algoritmo di google penalizza tutti quei siti che ricevono link in maniera innaturale e sopratutto se i link li acquistano. Inoltre, penalizza tutti quei siti che i link li ricevono di bassissima qualità e di gran numero da uno stesso dominio, tutti metodi di acquisizione link che farebbero insospettire chiunque. Fino a qualche anno fa, acquisire link non era così penalizzante, mentre ora, difficilmente si esce fuori da queste penalizzazioni. Google mira non solo a contrastare lo spam, ma anche a scoraggiare l’acquisto di link che a mio avviso, il metodo di acquisizione dei link di oggi, ha sortito l’effetto opposto:

L’acquisto di link e il Guest-Post

guest postChi ha un sito di qualità, può richiedere un compenso in cambio di un articolo sul proprio sito. In pratica, un blogger può pubblicare su un sito un articolo con un link in uscita verso il suo sito pagando un compenso a chi gli ospita l’articolo in modo da guadagnarci sia in denaro che in “contenuto fresco”. Qualcuno la chiama “una pratica di guest-post“, a mio parere personale, è semplicemente una pratica di acquisto di link. Il Guest post non è nato per questo, esiste da sempre e consisterebbe in uno scambio di articoli meglio se tra siti in maniera incrociata. L’acquisto dei link è sempre stata una prassi completamente fuori dalle guide di qualità di un sito web di Google, un vero e proprio regolamento dei siti web per non avere un sito di pessima qualità o peggio, essere preso di mira da Google. Il guest post, se ben fatto, porta benefici da entrambe le parti e sinceramente, non ci vedo niente di male se voglio scrivere un articolo per un altro sito che non sia mio con un semplice link o due in cambio.

Che la pratica di guest post sia con compenso che senza, nel 2015, rimane un valido metodo per fare link building e quindi SEO senza essere penalizzati (Se ben fatta ovviamente). Un Guest post ben fatto, vuol dire realizzare un buon articolo pubblicato su un sito a tema con il nostro che vogliamo far linkare. Il sito che pubblica il nostro articolo dovrà essere inoltre di qualità, che non pubblichi articoli duplicati e che abbia una buona popolarità. Anche la parola chiave con anchor all’interno dell’articolo che pubblicheremo ha un certo peso e una certa importanza.

Gli altri metodi SEO nel 2015 per fare link building

C’è una sostanziale differenza tra il modo di fare SEO di oggi e quello di ieri. Fino a qualche anno fa, ci si concentrava maggiormente sull’acquisizione di link, mentre oggi, ci si concentra di più sui contenuti, su questo, Google è riuscito ad ottenere molto meno spam dai siti web che indicizzava, molti meno contenuti duplicati e quindi, una serp migliore che da risultati più di qualità e mirati a chi utilizza questo motore di ricerca. Oggi, si utilizzano anche altri metodi per acquisire link più incentrati su come ottenerli “Spontanei”, un metodo che non solo non porta penalizzazioni, anzi, è proprio il modo migliore di ottenere link che porta sostanziali benefici per il posizionamento del nostro sito web.

Un esempio, sono i metodi di utilizzo dei social-network e dell’infografica, metodi, che vedremo però in altri articoli dedicati sempre su questo portale. La SEO nel 2015 non è solo link building.

TechUniverse

TechUniverse

Webmaster del sito. Appassionato di tech e hi-tech, software e soluzioni per PC ed Internet. Ma sopratutto, appassionato di hardware da PC Gaming e videogames.
TechUniverse

Latest posts by TechUniverse (see all)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

15 − 6 =

X

Pin It on Pinterest

X